Televisione

14 giugno 2011 | 14:53

Rai/ Santoro: Su censura Berlusconi ha perso, problema è qualità 

Rai/ Santoro: Su censura Berlusconi ha perso, problema è qualità 
Paese ha bisogno di azienda.Masi? Non distingueva tv da lavatrice

Roma, 14 giu. (TMNews) – In Rai c’è un problema censorio ma quello vero e attuale è relativo alla qualità  dell’azienda. Lo ha detto Michele Santoro presentando ‘Tuttiinpiedi’, iniziativa organizzata con la Fiom nell’ambito della festa del lavoro, e che si terrà  venerdì sera a Bologna.”La vera partita in Rai non è quella censoria, che Berlusconi ha perso e che non c’è più verso che vinca” perché “faremo di tutto perché non si ripeta l’editto bulgaro” anche con iniziative come quella di venerdì o Raiperunanotte, “modello che in Europa stanno studiando”. “In gioco – dice Santoro – c’è il destino della Rai, non è più un problema di censura ma di qualità  strategica dell’azienda Rai, che potrebbe essere messa in gioco come tanti patrimoni del Paese” mentre l’Italia “ha bisogno di questa azienda”. Santoro ricorda Masi, e risponde all’ex Dg che ieri ha svelato che avrebbe voluto con lui un faccia a faccia verbale se non fisico, “quando l’ho visto non ha mai messo insieme quattro parole” e poi “non ha mai distinto una tv da un’aspirapolvere”. E allora, si chiede, “chi lo ha messo lì, a chi affidiamo il destino dell’azienda?”.Parla anche del caso Fazio Santoro per ribadire che in Rai “occorre rimettere gli autori al centro”, bisogna che perché “non accettiamo il principio che i prodotti partano dalle decisioni dei vertici” perché “guardiamo Sgarbi, quale valutazione è stata data?”.

Mdr

141540 giu 11