Televisione

14 giugno 2011 | 16:27

RAI: RAO (UDC), OK CALABRO’, GOVERNO COMBATTA EVASIONE CANONE

RAI: RAO (UDC), OK CALABRO’,GOVERNO COMBATTA EVASIONE CANONE
SERVE IMPEGNO PER BANDA LARGA
ROMA
(ANSA) – ROMA, 14 GIU – “Una relazione molto approfondita e articolata, in larghissima parte condivisibile, che si apre significativamente con lo sviluppo e il ruolo dei social network, protagonisti anche dell’esito degli ultimi referendum”. Così il Capogruppo dell’Udc in Commissione di Vigilanza Rai, Roberto Rao, a margine della Relazione del presidente dell’Agcom Corrado Calabrò. “La Rai – prosegue l’esponente centrista riprendendo uno dei temi toccati da Calabrò – non può continuare a pagare la disattenzione del governo e della maggioranza sul canone: ogni scusa è buona per dire di non pagarlo, magari con l’intento di favorire la concorrenza e dimenticando che compito primario di un Governo è combattere qualsiasi forma di evasione. Se l’evasione fosse realmente debellata, la Rai avrebbe risolto molti dei suoi problemi finanziari, potrebbe investire maggiori risorse nell’innovazione e nella qualità , senza contare che se tutti pagassero l’importo del canone potrebbe anche essere ridotto”. “Calabrò – conclude Rao – oggi ha anche segnalato i problemi delle tlc in Italia e fornito un chiaro quadro della situazione. Spetta ora alla politica affrontare tutte le questioni sul tappeto per non sprecare l’ultima parte della legislatura. Per il secondo anno di seguito, Calabrò ha parlato di rischio concreto di collasso della rete e di possibile retrocessione dell’Italia in serie B per il digital divide sulla banda larga. Investire sulla banda larga significa consentire alle nostre aziende di svilupparsi e di affrontare le sfide del futuro in una condizione di parità  con le loro concorrenti delle altre economie più sviluppate. Ma come risponde il Governo, visto che ha da tempo dirottato verso altri scopi i pochi fondi destinati alla banda larga?”. (ANSA).
COM-MAJ/ S0A QBXB