TLC: COLAO, PER BANDA LARGA SERVE CONCORRENZA

TLC: COLAO, PER BANDA LARGA SERVE CONCORRENZA
OPERATORI DOMINANTI PRONTI A INVESTIRE,LI CONVINCEREMO SUL RESTO
MILANO
(ANSA) – MILANO, 14 GIU – In tutta Europa per la banda larga “abbiamo bisogno di investimenti e concorrenza e l’Italia non é diversa”. “Gli operatori dominanti, e parliamo della rete fissa, devono accettare un modello che preveda investimenti e concorrenza”. Lo ha detto l’ad di Vodafone Vittorio Colao commentando le parole del presidente dell’Agcom Corrado Calabrò, che ha messo in guardia sul rischio della ‘retrocessione in B’ della banda larga. “Per ora si sta discutendo – ha aggiunto Colao – gli operatori dominanti sembrano inclini ad accettare quei modelli che prevedono investimenti e meno la concorrenza ma li convinceremo…”. E precisa: “in Europa”. L’Italia “non è diversa nella sostanza dagli altri Paesi: ha bisogno di più produttività  e più flessibilità  e la banda larga permette alle imprese medio piccole di essere più produttive”. “Siamo indietro rispetto agli altri paesi – ha commentato da aprte sua l’ex a.d di Unicredit Alessandro Profumo, invitato a discutere del ‘Futuro dell’Italia di fronte alla rivoluzione digitalé alla presentazione dell’omonimo libro – è un peccato perché la rivoluzione digitale può essere un motore di crescita e rilancio dell’economia soprattutto per le piccole e medie imprese che dalla digitalizzazione possono avere una spinta a crescere”. (ANSA).
BF/KZT S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci