TV: STAMPA, DEBITO AFFOGA ENDEMOL; GRUPPO,OTTIME PROSPETTIVE

TV: STAMPA, DEBITO AFFOGA ENDEMOL; GRUPPO,OTTIME PROSPETTIVE
QUOTIDIANO OLANDESE, CON 2 MLD DEBITO CHIESTA RISTRUTTURAZIONE
ROMA
(ANSA) – ROMA, 14 GIU – Endemol, il colosso della produzione televisiva controllato da Mediaset, dal fondo Cyrte e da Goldman Sachs, sarebbe “con l’acqua alla gola” a causa di circa due miliardi di euro di debiti e starebbe cercando un accordo con le banche per una ristrutturazione. Lo scrive il quotidiano olandese ‘Het Financieele Dagblad’ citando fonti vicine alla società , che fra le sue produzioni include il format del Grande Fratello. Pronta la replica della società , che in un comunicato spiega: “Il Gruppo Endemol sta attualmente discutendo con le proprie banche gli accordi relativi al prestito del Gruppo. Queste discussioni non sono inusuali e sono completamente separate dal business ordinario. Endemol sta andando bene, è saldamente posizionata sul mercato e ha ottime prospettive per il futuro grazie ad una serie di nuovi programmi”. Secondo il quotidiano olandese, ripreso in inglese anche dalla radio Rnw, gli azionisti avrebbero nominato la banca d’investimento Houlihan Lokey come consulente “per ristrutturare il debito”. E fra le ipotesi ci sarebbe quella di un “debt-for-equity swap”, una conversione del debito in azioni. Sui conti peserebbero, secondo il quotidiano finanziario, “la corsa alle acquisizioni degli ultimi tre anni e il mancato sviluppo di nuovi successi quando le tv hanno cominciato ad abbandonare i reality”, ma anche l’ingresso di azionisti attraverso un investimento finanziato con debito poi accollato sulla società .(ANSA).
DOC/DOC S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi