Televisione

15 giugno 2011 | 14:46

SANTORO:NON FONDO PARTITO MA SE C’E'SOS DEMOCRAZIA CI SONO’

SANTORO:NON FONDO PARTITO MA SE C’E'SOS DEMOCRAZIA CI SONO’
NON VOTO ALLE PRIMARIE MA NESSUNO RINUNCI A DIRITTI
BOLOGNA
(ANSA) – BOLOGNA, 15 GIU – La sorpresa, annunciata da Michele Santoro nella serata in programma venerdì a Bologna per i 110 anni della Fiom, non sarà  la fondazione di un suo partito. “Chi si aspetta la proclamazione di un nuovo partito venerdì, sarà  deluso”, ha assicurato in una conferenza stampa a Bologna, perché “di partiti ne vedo già  troppi attorno a me”. Ma il giornalista, che non ha svelato la sorpresa, non ha escluso di potersi candidare in futuro. “Se c’é un pericolo grave per la democrazia e qualcuno mi chiedesse di dare una mano, questo è un mio diritto”, ha scandito, aggiungendo: “Nessuno deve rinunciare. Anche lei se lo facesse (rivolgendosi a una giornalista, ndr), sarebbe una rinunciataria”. Il conduttore di Annozero ha ribadito che il suo futuro “sarà  in televisione” e che le voci su un nuovo partito (la cui “architrave” sarebbe formata da lui, Marco Travaglio e dal pm siciliano Antonio Ingroia), sono “solo banali strumentalizzazioni da parte di persone interessate a screditare il mio lavoro di giornalista”. A chi gli ha chiesto se stia pensando a candidarsi alle primarie del centrosinistra, ha risposto: “Non vado a votare alle primarie, il problema è già  risolto. Credo che noi giornalisti non dovremmo lasciarci coinvolgere in questo tipo di dibattito”. (ANSA).
Y1C-CST/ S0A QBXB