da redattore capo a direttore del ‘Mucchio Selvaggio’

Non è stato un cambio di direzione, per così dire, indolore. Anche perché Max Stèfani, alla guida del Mucchio Selvaggio dall’ottobre 1977, cioè da quando il mensile di musica, attualità  e culture esiste, lascia la sua creatura dopo 33 anni vissuti in prima persona e un periodo piuttosto complicato, segnato da incomprensioni e divergenze con gran parte dello staff di redazione. Così, se lo stesso Stèfani scrive nel suo ultimo editoriale dell’impossibilità  “di continuare a lavorare con un gruppo di persone sempre più distante sia da un punto di vista umano sia professionale”, e se dalla redazione fanno sapere che “era semplicemente venuta a mancare la fiducia reciproca”, di fatto a raccogliere la difficile eredità  è toccato dallo scorso maggio a Daniela Federico, storico braccio destro dell’ormai ex direttore.
L’articolo integrale è sul mensile ‘Prima Comunicazione’ n. 418 – giugno 2011

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Obama mette in guardia sull’uso irresponsabile dei social. Distorcono la capacità di capire questioni complesse, diffondendo false notizie, dice l’ex presidente Usa alla Bbc

Biscardi santo subito? Molti si dimenticano che è stato un diseducatore del calcio. Assolto in qualche modo da un processo per diffamazione

Technicis acquisisce il gruppo Arancho Doc