Il digitale cambia la vita

Telecom Italia ha varato una serie di progetti di comunicazione per parlare a tutte le fasce di pubblico, dai bambini agli anziani, rafforzando al tempo stesso la propria immagine sul mercato. Per “promuovere i valori chiave dell’azienda”, ma soprattutto per rafforzare la propria immagine nelle fasce di mercato più nuove e interessanti e per spingere quell’alfabetizzazione digitale che in Italia è ancora così lenta, quest’anno Telecom non si è fatta mancare nulla. Dal topo Geronimo Stilton per parlare ai bambini ai video per rivolgersi ai preadolescenti in viaggio in autobus per tutte le città  italiane, fino ai volontari in grado di coinvolgere gli over 60. E poi radio, come quella di Dynamo Camp (un camp basato sulla terapia ricreativa che accoglie bambini ammalati e ora si propone di metterli in Rete anche quando sono in ospedale, grazie appunto a una radio fortemente interattiva) e televisione, con Canale 150, che ha trasmesso gli appuntamenti collegati all’anniversario dell’Unità  d’Italia e alla sponsorizzazione di Stazione futuro, la mostra che Riccardo Luna ha curato a Torino. E partnership come quella con il Salone del Libro, sempre a Torino. “Il filo conduttore di tutte queste iniziative, molto diverse tra loro, è il grande interesse per il modo in cui i linguaggi digitali ci stanno cambiando la vita”, spiega Massimiliano Tarantino, responsabile progetti di comunicazione corporate di Telecom Italia.

L’articolo integrale è sul mensile ‘Prima Comunicazione’ n. 418 – giugno 2011

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’ è in edicola con ‘Prima Comunicazione’. La guida festeggia 30 anni e lancia il progetto W l’Italia

L’edizione 2018 del ‘Grande Libro dello Sport e Comunicazione’ in edicola, allegata a ‘Prima’, e disponibile in digitale