New media

23 giugno 2011 | 14:25

INTERNET: GARANTE PRIVACY “NO A BOICOTTAGGI O CENSURE”

ROMA (ITALPRESS) – “Le ragioni di sicurezza possono essere invocate anche per chiedere e ottenere forme di controllo sulle reti e sui contenuti delle comunicazioni. E’ su questo terreno che si colloca il pericolo di un controllo oppressivo e repressivo, che puo’ limitare la liberta’ dei cittadini e vanificare la grande risorsa positiva della rete come comunicazione globale”. Lo ha detto Francesco Pizzetti, presidente dell’Autorita’ Garante della Privacy, nella sua relazione annuale, illustrata stamani a Montecitorio. “Come molte esperienze recenti dimostrano, la rete e le tecnologie che su di essa operano sono anche uno strumento fondamentale per promuovere la liberta’, grazie a moderne e inedite forme di protesta e di liberazione dei popoli. La rete e’ oggi anche lo spazio politico in cui si combatte la lotta tra democrazia e repressione – ha aggiunto -. Solo la comunita’ internazionale puo’, sulla base di regole e diritti da tutti riconosciuti, impedire boicottaggi e censure che rafforzino, con nuove forme di repressione, l’autoritarismo del potere. Allo stesso tempo e’ necessario proteggere gli utenti dall’uso di una rete senza regole, esposta a tecnologie ogni giorno piu’ invasive e a rischi potenzialmente devastanti. Nel rapporto tra sicurezza e controllo, tra protezione e proibizione, fra difesa e oppressione della liberta’, e’ fondamentale il riconoscimento di principi comuni e condivisi”, ha spiegato Pizzetti.