New media, TLC

27 giugno 2011 | 10:49

VATICANO: DAL 29 ON LINE NUOVO PORTALE MULTIMEDIALE NEWS.VA

VATICANO: DAL 29 ON LINE NUOVO PORTALE MULTIMEDIALE NEWS.VA
CITTA’ DEL VATICANO
(ANSA) – CITTA’ DEL VATICANO, 27 GIU – Dal 29 giugno, giorno in cui Joseph Ratzinger compie 60 anni di sacerdozio, sarà  on-line il nuovo portale multimediale news.va, che viene presentato questa mattina in sala stampa vaticana, tra gli altri, da mons. Claudio Celli, presidente del Pontificio consiglio per le comunicazioni sociali, dal direttore dell’Osservatore romano Giovanni Maria Vian e dal direttore della sala stampa, padre Federico Lombardi. Su news.va si troveranno le principali notizie stampate o messe in onda dagli altri media vaticani. Le notizie riguarderanno attività  o interventi magisteriali del Papa, prese di posizione dei dicasteri della Santa Sede, ma anche i più importanti avvenimenti del mondo o situazioni legate alle varie chiese particolari. Il sito per i primi due mesi sarà  in italiano e in inglese, dopo l’estate ci sarà  quello che mons. Celli ha chiamato “un primo restyling” e l’apertura in spagnolo, puntando in futuro anche a tedesco e francese. “Il portale – ha detto mons. Celli – non ha una sua specifica linea editoriale: si rifà  semplicemente a quanto già  scrive o comunica il quotidiano Osservatore romano, la Radio vaticana o altre fonti vaticane di informazione”. L’attuale sito vatican.va non scomparirà , manterrà  la sua funzione di mettere on line il magistero del Papa: “sin dall’inizio – ha osservato mons. Celli – è stato un sito documentale ed opererà  in piena sintonia con il nuovo portale”.(ANSA).
CHR/ S0A QBXB

VATICANO: DAL 29 ON LINE NUOVO PORTALE MULTIMEDIALE NEWS.VA (2)
CITTA’ DEL VATICANO
(ANSA) – CITTA’ DEL VATICANO, 27 GIU – Per il direttore dell’Osservatore romano il nuovo portale è “una iniziativa che sottolinea e fortifica la collaborazione già  esistente e crescente tra i media della Santa sede, dunque non è una nuova testata con una linea editoriale nuova, ma piuttosto una piattaforma, un luogo dove sia più facile orientarsi in rete per chi voglia interessarsi della Santa Sede” Vian ha ricordato che la Santa Sede ha già  un sito, vatican.va, “che qualcuno trova ingessato, antiquato e polveroso, ma che è ottimo, prezioso, e ormai da anni accessibile soprattutto per chi come noi si occupa in modo specifico di questi temi”. Il sito, significativamente, ha rilevato Vian, fu iniziato da una donna, la religiosa americana Judith Zoebelein. Ricordando i vari anniversari che hanno interessato i media vaticani, tra cui gli 80 anni della Radio e i 150 dell’Osservatore romano, all’interno di nuove iniziative, il direttore dell’Osservatore romano ha rilevato che a dispetto di “alcuni stereotipi, Benedetto XVI e la sua segreteria di Stato sono molto sensibili ai media contemporanei, e questo portale lo conferma”. Sull’appoggio personale del Papa e della segreteria di Stato alle iniziative di comunicazione al passo con le tecnologie ha insistito anche padre Lombardi. Lombardi ha anche sottolineato come il nuovo portale si basa su una “dinamica piuttosto attiva da parte delle diverse realtà  di comunicazione della Santa sede, una dinamica che con questa iniziativa viene ulteriormente incoraggiata” e ha ricordato l’impegno dei media vaticani nel multimediale. “Il portale – ha spiegato il direttore della sala stampa – si propone di diventare un po’ la vetrina e il traino attraverso cui al pubblico diventi facile accedere a questa dinamica dei media vaticani e a queste proposte, è avventura e una sfida interessante, – ha osservato – vedremo se riusciremo veramente” a non sovrapporci o farci “concorrenza in modo negativo ma anzi a potenziare la collaborazione”. (ANSA).
CHR/ S0A QBXB