Telecom I.: sulla rete blitz del governo (MF)

29 Jun 2011 08:23 CEDT Telecom I.: sulla rete blitz del governo (MF)

Dowjones

MILANO (MF-DJ)–La discussione sulla nuova rete a banda larga esce dal tavolo Romani, dove arrancava alla ricerca di un difficile accordo tra gli operatori, e finisce direttamente nella manovra economica del governo.
Nella bozza di Finanziaria, di cui MF-Milano Finanza e’ entrata in possesso, e’ spuntata infatti una norma con la quale di fatto la decisione sugli investimenti per le reti di nuova generazione passa dalle mani di Telecom a quelle di Paolo Romani, ministro per lo Sviluppo Economico. La bozza prevede che sia compito del dicastero predisporre “un piano di interesse nazionale per la realizzazione dell’infrastruttura nazionale di telecomunicazioni Ngn”. Il programma potra’ essere realizzato anche “mediante la razionalizzazione, l’ammodernamento e il coordinamento delle infrastrutture esistenti”. Nell’elenco rientra ovviamente anche la rete in rame di Telecom. Romani quindi potra’ mettere bocca sul tipo di tecnologia da utilizzare, su dove concentrare gli investimenti, su quali infrastrutture condividere. C’e’ di piu’. La norma inserita nella manovra prevede anche che “ai soggetti proprietari delle infrastrutture costituenti la rete nazionale di telecomunicazione Ngn possano essere imposti obblighi di servizio universale”. Si tratta di un vero macigno per un’impresa privata. Significa l’obbligo di arrivare con l’offerta in fibra anche nel piu’ sperduto paese di montagna, anche dove ci sono solo poche decine di abitanti. red/lab

(END) Dow Jones Newswires

June 29, 2011 02:23 ET (06:23 GMT)

Copyright (c) 2011 MF-Dow Jones News Srl.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci