New media, TLC

29 giugno 2011 | 9:58

INTERNET:DI PIETRO, DIRITTO D’AUTORE NON AUTORIZZA CENSURA

INTERNET:DI PIETRO, DIRITTO D’AUTORE NON AUTORIZZA CENSURA
ROMA
(ANSA) – ROMA, 28 GIU – “Non c’é dubbio che il diritto d’autore debba essere tutelato, ma non per questo si può permettere che venga bloccata la libera circolazione delle idee in Rete. La delibera 668/2010 dell’Agcom, invece, è la premessa per una censura del web che non ha paragoni con quello che accade negli altri paesi occidentali”. E’ quanto scrive il presidente dell’Italia dei Valori, Antonio Di Pietro, in un post pubblicato sul sito www.italiadeivalori.it. “Già  il primo dicembre 2010 avevo chiesto al Ministro Romani, con un’interrogazione a risposta immediata, di spiegare quali fossero i presupposti per questa norma. Norma che, per via amministrativa (e non legislativa), permette all’Agcom di emanare un decreto sul diritto d’autore che introduce la possibilità  di inibire completamente la visibilità  e l’accesso a siti posti anche fuori dal territorio italiano e di rimuovere in modo automatico censurando contenuti anche solo sospettati di violare le norme sul copyright. Ritengo altamente pericoloso e ingiustificato l’oscuramento dei siti senza passare attraverso l’autorità  giudiziaria. Ripeto quel che vado dicendo da tempo: agli utenti deve essere garantito il diritto costituzionale, ribadisco costituzionale, per l’accesso libero alla rete senza obblighi, senza orpelli e senza limiti. Gli eventi degli scorsi mesi lo hanno dimostrato: cercare di bloccare la rete è come cercare di bloccare un goccia d’acqua nell’oceano. Su questo argomento si è aperto un lungo dibattito sul web e io credo che l’Agcom e il Governo farebbero bene ad ascoltare i diretti interessati. Per questo, se la delibera non verrà  ritirata, l’Italia dei Valori parteciperà  a tutte le iniziative e le mobilitazioni contro le censure in Rete e fuori dalla Rete”. (ANSA).
CP/ S0A QBXB