INTERNET: GDF OSCURA SITO CHE PERMETTEVA ACCESSO A BTJUNKIE

(ANSA) – CAGLIARI, 15 LUG – La Guardia di Finanza ha oscurato da stamani il sito www.proxyitalia.com, creato in Canada e allocato in Germania, e consentiva l’accesso dall’Italia al portale multimediale pirata “btjunkie”, uno dei più grandi supermercati mondiali del falso multimediale. L’operazione è stata effettuata in attuazione di un provvedimento emesso in via d’urgenza dal sostituto procuratore Giangiacomo Pilia. Le Fiamme Gialle hanno scoperto che la registrazione del dominio “proxyitalia.com/btjunkie.org” era avvenuta in risposta ad un altro provvedimento della magistratura cagliaritana che dallo scorso aprile aveva vietato l’accesso al sito pirata e indagato due internet provider, Fastweb e Ngi, per favoreggiamento per non aver bloccato tutti gli accessi a “btjunkie”. L’operazione portata a compimento per la prima volta in Italia dal Nucleo di polizia tributaria rientra nella logica, hanno spiegato gli investigatori della Finanza, di rimuovere tutti gli ostacoli tecnologici frapposti per aggirare gli obblighi imposti dalla legge per la tutela del diritto d’autore e del copyright. Subito dopo la divulgazione della notizia dell’inibizione dei siti www.btjunkie.org e www.btjunkie.com, alcuni blog fornivano ai netsurfer indicazioni su come aggirare la barriera tecnologica eretta dall’autorità  giudiziaria per accedere al portale “pirata”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti