Rcs: pressing di Rotelli sulla gestione aziendale

MILANO (MF-DJ), 9 Set. – L’estate ha portato una ventata di irrigidimento sul fronte Rcs Mediagroup. Il fatto che, scrive MF, il patto di sindacato che controlla il 63,5% del gruppo editoriale abbia rispedito al mittente la proposta avanzata da Diego Della Valle (5,5%) di diluirsi al 51%, liberando di fatto un importante pacchetto azionario da mettere sul mercato, ha provocato la brusca reazione di alcuni importanti azionisti non soddisfatti della gestione aziendale, in particolare del business spagnolo. Il primo a sollevare il cartellino giallo sarebbe stato Giuseppe Rotelli che con il suo 11% e’ il secondo socio per importanza dopo Mediobanca (14,3%) ma pur sempre fuori dal sindacato di blocco. Il professore di Pavia, a capo del Gruppo Ospedaliero San Donato, membro del cda e del comitato esecutivo, in alcuni ambienti milanesi avrebbe spiegato con chiarezza che se la gestione operativa della societa’ di via Rizzoli non sara’ ispirata al massimo rigore, il che in sostanza si traduce nella cessione di asset non profittevoli come alcuni periodici e nella revisione del business rappresentato dalla controllata Unidad Editorial, potrebbe addirittura votare contro il bilancio.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari