CINEMA/BOX OFFICE: POCHI INCASSI PER FILM ITALIANI PRESENTATI A VENEZIA

(ASCA) – Roma, 12 set – Non e’ bastata la copertura stampa al loro passaggio al Festival di Venezia per garantirne l’incasso: nessuno dei titoli italiani presentati alla 68* Mostra del Cinema ha superato il milione di euro. Il film che ha avuto piu’ successo al box office e’ quello di Francesco Patierno, ”Cose dell’altro mondo”, che ha incassato 958 mila euro. Il film premiato dalla giuria, ”Terraferma”, ha incassato un terzo di Patierno, 318 mila euro, ”Ruggine” e’ a 114, ”Questa storia qua!”, docufilm su Vasco Rossi, ha di poco superato i 500 mila euro, ”L’ultimo terrestre” ha di poco superato i 30 mila, ”Tutta colpa della musica” i 50 mila. E’ andata benino, almeno per il primo week end, ad Ezio Greggio, con il film di preapertura straordinaria fuori programma, che con un numero di copie molto alto di uscita riesce a superare i 700 mila euro. Al box office ha fatto da padrona ancora una volta Hollywood, che ha raggiunto la vetta degli incassi anche di questo week end. Nessun week end della nuova stagione e’ stato infatti vinto ancora da un film italiano. La prossima settimana non uscira’ nessun film italiano e a scontrarsi saranno l’attesissimo ”Carnage”, ”I Puffi”, ”Crazy, Stupid, Love”, ”Il Debito” e ”The Eagle”. Ecco gli incassi italiani (dati Cinetel). 1) Cose dell’altro mondo, 958 mila euro. 2) Box Office 3D – Il film dei film, 778 mila euro. 3) Questa storia qua!, 520 mila euro. 4) Terraferma, 318 mila euro. 5) Come trovare nel modo giusto l’uomo sbagliato, 140 mila euro. 6) Ruggine, 114 mila euro. 7) Almeno tu nell’universo, 63 mila euro. 8) Tutta colpa della musica 54 mila euro. 9) In the market, 49 mila euro. 10) Cocapop, 700 euro.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo