TV: DA DOMANI SU RETE4 IN PRIMA SERATA LA VERSIONE DI BANFI

(ANSA) – ROMA, 14 SET – Dopo l’esordio, a luglio, con tre puntate esperimento, torna su Retequattro, in prima serata e in diretta ‘Blog – La versione di Banfi’, programma d’attualità  condotto da Alessandro Banfi. Condirettore di Videonews e artefice dietro le quinte di tanti successi dell’informazione targata Mediaset, Banfi, da giovedì 15 settembre 2011, riprende le redini del programma. Al centro del primo appuntamento una domanda: approvata la nuova manovra finanziaria, abbiamo davvero finito di pagare? E hanno pagato tutti? Le risposte verranno da collegamenti in diretta con le piazze, da reportage, e interviste e, in studio, con la presenza di alcuni protagonisti della scena politica ed economica. Questa settimana Banfi ospita, tra gli altri, Guido Crosetto (sottosegretario alla Difesa) Roberto Formigoni (presidente della Regione Lombardia), Sergio Chiamparino (ex sindaco di Torino), Tiziano Treu (senatore Pd ed ex ministro), Aldo Cazzullo (giornalista ed editorialista del Corriere della Sera) , Franco Bechis, (vicedirettore di Libero) Stefano Feltri, (giornalista del Fatto), Luigi Zingales (professore a Chicago e commentatore del Sole 24 ore) e Angiola Tremonti, (sorella del ministro dell’Economia, artista e autrice tra l’altro del libro ‘La valle degli orsi’). Tra le novità  del programma il parere degli ascoltatori via web, la possibilità  di seguire direttamente sul blog del programma gli sviluppi dei quesiti e l’interazione con il conduttore e autore del programma attraverso una chat settimanale. La regia di ‘Blog-La versione di Banfi’ è di Ermanno Corbella.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi