L’avventura ne ‘Il Riformista’ è costata molto agli Angelucci

MILANO (MF-DJ), 16 Set. – L’avventura de Il Riformista e’ costata parecchio agli Angelucci. Gli imprenditori della sanita’ (28 strutture per 3 mila posti letto con il gruppo San Raffaele di Roma), scrive MF, prima di vendere per 4,5 milioni il quotidiano al tandem Emanuele Macaluso-Gianni Cervetti, hanno svalutato l’asset per 20,3 milioni. Un write-off che ha pesato sui conti 2010 della Finanziaria Tosinvest, la holding che gestisce i business non sanitari, come dimostra il risultato operativo, negativo per 23,5 milioni. Ed e’ stato solo grazie alla rinuncia del credito di 19 milioni da parte dell’azionista di riferimento, la lussemburghese Th, che il bilancio si e’ chiuso con un utile di 2,3 milioni. “La controllante ha ritenuto necessario intervenire a sostegno del comparto editoriale per fronteggiare le difficolta’ che lo stesso sta incontrando, rinunciando parzialmente al credito vantato”, si legge nella relazione di bilancio di Finanziaria Tosinvest, presieduta da Ernesto Monti. Come detto, il 6 aprile scorso il patron Antonio Angelucci, onorevole in quota Pdl, ha deciso di passare la mano sul Riformista dopo essere entrato nel capitale della Gazzetta del Mezzogiorno. La holding, infatti, a inizio febbraio, ha rilevato il 51% di Barieditrice, societa’ che a sua volta detiene il 30% della Edisud, proprietaria del quotidiano pugliese.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari