Soprattutto un uomo di idee

L’avvocato che aveva difeso per decenni, e con grande successo, giornali, editori e giornalisti, che si era battuto come un leone per i principi sacrosanti della libertà  di parola e di stampa, alla fine della sua carriera continuava a scrollare la testa scoraggiato, ma non per questo meno furioso. E men che mai arreso. Per anni (dal febbraio del ’90) Oreste Flamminii Minuto ha scritto su Prima Comunicazione una rubrica veloce e ficcante (‘In nome della legge’). Utilizzando un linguaggio comprensibile a tutti, persino a noi giornalisti, parlava dei rischi che corrono i cittadini di quest’Italia sfasciata e irrisolta. Abbiamo scelto alcune frasi dal corpus degli articoli che ha firmato per noi (e che trovate su www.primaonline.it) che sintetizzano bene il suo pensiero. Ci è sembrato questo il modo per ricordarlo, perché Oreste era soprattutto un uomo di idee. E le sue idee sono lì, vive ed efficaci, come vivo ed efficace era quel “tenace montanaro abruzzese” che ci è stato anche un magnifico amico.

L’articolo integrale è sul mensile ‘Prima Comunicazione’ n. 420 – settembre 2011

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

L’edizione 2018 del ‘Grande Libro dello Sport e Comunicazione’ in edicola, allegata a ‘Prima’, e disponibile in digitale

Fatti del mese – Pagina 13 corretta

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’