La radio cresce anche senza Audiradio

Il mondo della radio è in apnea in attesa di sapere dall’Agcom se e come si sbloccherà  la situazione dopo la liquidazione di Audiradio. Scadono infatti a ottobre i 90 giorni che l’Authority presieduta da Corrado Calabrò ha fissato per raccogliere dagli operatori suggerimenti e proposte per avviare la costituzione di una nuova realtà  che si occupi della rilevazione e pubblicazione dell’audience radiofonica. Nel frattempo cresce l’ascolto generale della radio in Italia e la Liguria, con un incremento del 13% nel biennio 2008-2010, ne è un esempio. Il dato è emerso nel corso del convegno genovese organizzato a metà  settembre da Radio Babboleo, ‘La comunicazione radiofonica: un’opportunità  in tempo di crisi’, a cui hanno partecipato circa 130 tra imprese e istituzioni.

L’articolo integrale è sul mensile ‘Prima Comunicazione’ n. 420 – settembre 2011

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’ è in edicola con ‘Prima Comunicazione’. La guida festeggia 30 anni e lancia il progetto W l’Italia

L’edizione 2018 del ‘Grande Libro dello Sport e Comunicazione’ in edicola, allegata a ‘Prima’, e disponibile in digitale

Fatti del mese – Pagina 13 corretta