Televisione

22 settembre 2011 | 13:07

TV/ Pupi Avati: Fiction unico mezzo per incontrare paese reale

Il regista il 16 settembre alla RomaFictionFest

Milano, 22 set. (TMNews) – “La fiction rimane l’unico mezzo in grado di incontrare il paese reale, cosa che il cinema, ormai sempre più destinato a un’élite culturale, non è più in grado di fare”. Parola di Pupi Avati, che il 26 settembre sarà  ospite del RomaFictionFest per partecipare ad un incontro, moderato da Steve Della Casa, proprio sul tema del rapporto fra cinema e tv. “La fiction di oggi ha avuto e ha un ruolo molto importante – ha continuato Avati – perché ha dato una fondamentale opportunità  di lavoro a diverse figure che nel cinema iniziavano a patire pesantemente la crisi, ormai in atto da anni, e che si sarebbero quasi sicuramente estinte. Nel cinema non è più possibile maturare esperienze. Nel 1968, quando ho iniziato a fare questo lavoro, si giravano 350 film all’anno, quasi un film al giorno, mentre oggi nemmeno un centinaio”. Poi il regista ancora sulle fiction: “Questo tipo di prodotto televisivo ha permesso la trasmissione di un sapere che è in gran parte artigianato, ma non esclude ampi spazi di creatività ”.