Pier Silvio Berlusconi è critico sulla gestione dei diritti tv calcistici

ROMA (MF-DJ), 23 Set. -“Pagheremo per le partite di 12 societa’ circa 300 milioni all’anno, con una crescita del 25%: c’e’ il rischio che non si possa andare avanti cosi'”. E’ quanto dichiara in un’intervista al Corriere della Sera, Pier Silvio Berlusconi, vice presidente di Mediaset, parlando dei diritti tv sul calcio assegnati ieri e sottolineando come “il calcio deve modernizzarsi, cambiare passo altrimenti potremmo rivedere i nostri investimenti sui diritti tv”. “Bisogna lavorare sulla qualita’ del prodotto calcio. Bisogna creare nuovo appeal – spiega – deve diventare business. In altri paesi i ricavi sono molto piu’ sviluppati. Hanno lavorato meglio sul fronte degli stadi, sviluppato meglio il merchandising”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi