TLC

27 settembre 2011 | 9:40

INDIA: NON PIU’ DI 100 SMS AL GIORNO, SCOPPIANO POLEMICHE

(ANSA) – NEW DELHI, 27 SET – Da oggi in India non si potrà  mandare più di 100 sms al giorno da un telefonino. Lo ha stabilito l’autorità  che regola le telecomunicazioni con lo scopo di limitare i messaggini pubblicitari che invadono la privacy dei consumatori. La decisione è stata presa dalla Telecom Regulatory Authority of India (Trai) e si applica a tutti gli operatori telefonici che dovranno imporre il limite giornaliero di 100 sms per ogni carta Sim, con eccezione di servizi di emergenza, banche, social network, compagnie aeree e di aziende di telemarketing autorizzate. La norma non si applica in occasione delle ricorrenze festive. La restrizione ha già  sollevato molte critiche perché in certi casi rende impossibile la comunicazione di servizi utili, si pensi per esempio alle scuole, uffici stampa o organizzazioni non governative che vogliono lanciare delle campagne sociali. Rajan S. Mathews, direttore della Cellular Operators Association of India (COAI) è preoccupato perché la norma limita i diritti dei consumatore. “Comprendiamo la necessità  di eliminare l’invadenza dei messaggi promozionali, ma perché non limitare solo le aziende che inviano migliaia di sms?”. Da ormai anni le autorità  combattono contro l’irritante invadenza di messaggini e telefonate promozionali che affliggono chiunque abbia un cellulare in India e che non si interrompono nemmeno durante le ore notturne. Secondo stime dell’Hindustan Times ogni giorno sono inviati circa 75 milioni di sms con le più svariate pubblicità , da alloggi residenziali a prodotti dimagranti e pillole afrodisiache. (ANSA).