INTERNET: MICROSOFT, 88% ITALIANI VIVE GIA’ SULLA ‘NUVOLA’

INDAGINE NEXTPLORA, 76% FAVOREVOLE AD ARCHIVIARE SUL CLOUD

(ANSA) – ROMA, 19 OTT – Solo il 15% degli italiani fa uso dei servizi ‘cloud’, il 38% ne conosce almeno uno. Ma l’88% usa la ‘nuvola’ inconsapevolmente salvando, ad esempio, foto (56%), musica (29%), documenti di lavoro (18%): sono questi i dati principali di una ricerca dell’Osservatorio Internet 2011 di Microsoft Windows Live condotta da Nextplora su un campione di 1.000 individui. Tra i servizi Cloud, lo Storage Online risulta essere quello con più appeal: il 76% degli intervistati è favorevole ad archiviare informazioni sulla nuvola, con picchi di interesse tra le donne (41%) e tra gli chi ha più di 55 anni (52%). Il 64% di chi usa questi servizi ne fa un impiego settimanale. Per il 58% lo Storage Online è vantaggioso per la vita lavorativa, per il 38% per lo studio, per il 30% per la vita sociale, per il 21% per condividere hobby e per l’11% per fare nuove amicizie. Office Online registra invece maggior interesse tra gli individui nella fascia 16-24 anni (35%). Il 59% ne fa un impiego settimanale. Il 71% pensa che sia d’aiuto al proprio lavoro, il 45% allo studio, il 20% alla vita sociale, il 12% alla condivisione di hobby e il 6% a stringere nuove amicizie. Dall’indagine emerge, inoltre, che il concetto di ‘sharing’, condivisione è più vicino all’universo femminile, con il 90% delle intervistate che ne individua il significato con fare qualcosa insieme a qualcuno (84% degli uomini), per l’88% vuol dire scambiare delle opinioni e confrontarsi (84% degli uomini), per l’83% sentirsi vicino agli altri (71% degli uomini). Le modalità  di condivisione sono fortemente segmentate sulla base dei diversi profili degli intervistati e in funzione dei diversi strumenti usati. Gli italiani tra 16 e 24 anni amano condividere le foto (61%), gli over 55 articoli di giornali e news lette in rete (37%), tra i 25 e i 34 anni i video (42%) e notizie sulla propria vita personale (24% a pari merito con i 16-24enni), mentre tra i 45 e 54 anni opinioni e recensioni su prodotti acquistati. Il computer è lo strumento più utilizzato per la condivisione: il 49% degli intervistati lo utilizza per lavoro e studio, il 52% per scambiare idee e opinioni, il 37% per la sfera privata. Al secondo posto si classifica il cellulare (26% per studio e lavoro; 26% per idee e opinioni; 34% per la sfera privata), mentre lo scambio vis-a-vis è sempre meno diffuso (14% per studio e lavoro; 17% per idee e opinioni; 21% per la sfera privata). “Siamo pronti ad accompagnare gli utenti nel viaggio verso un futuro all’insegna della condivisione con un’ampia offerta di soluzioni cloud e servizi online, accessibili ovunque e attraverso qualsiasi dispositivo in ottica di una sempre maggiore interconnessione”, ha commentato Emanuele Colli, Responsabile della Divisione Online di Microsoft Italia. (ANSA)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti