New media

19 ottobre 2011 | 16:34

INTERNET: MICROSOFT, 88% ITALIANI VIVE GIA’ SULLA ‘NUVOLA’

INDAGINE NEXTPLORA, 76% FAVOREVOLE AD ARCHIVIARE SUL CLOUD

(ANSA) – ROMA, 19 OTT – Solo il 15% degli italiani fa uso dei servizi ‘cloud’, il 38% ne conosce almeno uno. Ma l’88% usa la ‘nuvola’ inconsapevolmente salvando, ad esempio, foto (56%), musica (29%), documenti di lavoro (18%): sono questi i dati principali di una ricerca dell’Osservatorio Internet 2011 di Microsoft Windows Live condotta da Nextplora su un campione di 1.000 individui. Tra i servizi Cloud, lo Storage Online risulta essere quello con più appeal: il 76% degli intervistati è favorevole ad archiviare informazioni sulla nuvola, con picchi di interesse tra le donne (41%) e tra gli chi ha più di 55 anni (52%). Il 64% di chi usa questi servizi ne fa un impiego settimanale. Per il 58% lo Storage Online è vantaggioso per la vita lavorativa, per il 38% per lo studio, per il 30% per la vita sociale, per il 21% per condividere hobby e per l’11% per fare nuove amicizie. Office Online registra invece maggior interesse tra gli individui nella fascia 16-24 anni (35%). Il 59% ne fa un impiego settimanale. Il 71% pensa che sia d’aiuto al proprio lavoro, il 45% allo studio, il 20% alla vita sociale, il 12% alla condivisione di hobby e il 6% a stringere nuove amicizie. Dall’indagine emerge, inoltre, che il concetto di ‘sharing’, condivisione è più vicino all’universo femminile, con il 90% delle intervistate che ne individua il significato con fare qualcosa insieme a qualcuno (84% degli uomini), per l’88% vuol dire scambiare delle opinioni e confrontarsi (84% degli uomini), per l’83% sentirsi vicino agli altri (71% degli uomini). Le modalità  di condivisione sono fortemente segmentate sulla base dei diversi profili degli intervistati e in funzione dei diversi strumenti usati. Gli italiani tra 16 e 24 anni amano condividere le foto (61%), gli over 55 articoli di giornali e news lette in rete (37%), tra i 25 e i 34 anni i video (42%) e notizie sulla propria vita personale (24% a pari merito con i 16-24enni), mentre tra i 45 e 54 anni opinioni e recensioni su prodotti acquistati. Il computer è lo strumento più utilizzato per la condivisione: il 49% degli intervistati lo utilizza per lavoro e studio, il 52% per scambiare idee e opinioni, il 37% per la sfera privata. Al secondo posto si classifica il cellulare (26% per studio e lavoro; 26% per idee e opinioni; 34% per la sfera privata), mentre lo scambio vis-a-vis è sempre meno diffuso (14% per studio e lavoro; 17% per idee e opinioni; 21% per la sfera privata). “Siamo pronti ad accompagnare gli utenti nel viaggio verso un futuro all’insegna della condivisione con un’ampia offerta di soluzioni cloud e servizi online, accessibili ovunque e attraverso qualsiasi dispositivo in ottica di una sempre maggiore interconnessione”, ha commentato Emanuele Colli, Responsabile della Divisione Online di Microsoft Italia. (ANSA)