GIORNALISTI: 110MILA IN INPGI, MENO DELLA META’ VISIBILI

DATI 2010 RICERCA LSDI.CRESCONO AUTONOMI, REDAZIONI INVECCHIANO

(di Francesca Pierleoni) (ANSA) – ROMA, 4 NOV – Aumentano gli iscritti all’Ordine dei giornalisti, l’anno scorso si sono superati 110.000 tesserati, ma meno di un giornalista su due è ‘visibile’, cioé ha una posizione contributiva attiva all’Inpgi. Gli ‘attivi’ sono scesi al 44,5%, pari a 44906 iscritti, di cui circa 25011 nel lavoro autonomo e 19895 in quello subordinato. Sono fra i dati aggiornati al 2010, della Ricerca Giornalismo: il lato emerso della professione, curata da Pino Rea, coordinatore di ‘Liberta’ di stampa – Diritto all’informazione, presentata alla Federazione Nazionale stampa italiana nella giornata europea contro il precariato. Stando ai numeri, cresce il lavoro autonomo del 7,7% (ora è a quota 55,7%) il cui reddito però continua a diminuire. Cala il lavoro subordinato (-3,85%) e sparisce il turnover (-31% delle posizioni dei praticanti).”Siamo convinti che il precariato non sia strumento di sviluppo – Dice Franco Siddi, segretario generale della Fnsi – che le imprese possono averne vantaggi nel tempo breve ma non di qualificazione e crescita. Su questo punto le imprese sono sorde, poche provano soluzioni nuove. Bisognerà  esaminare azienda per azienda, sfrondare i collaboratori quando necessario, ma quelli che restano devono essere pagati bene. Non c’é posto per tutti”. La ricerca mostra che oltre il 62% dei freelance dichiarano meno di 5000 euro annui e si registra un progressivo invecchiamento delle redazioni: i rapporti di lavoro, nella fascia superiore ai 50 anni salgono dal 24,40% del 2009 al 27,50% del 2010; sono in lieve crescita quelli nella fascia fra i 36 i 50 anni, (dal 49,80% al 50,50%) mentre scendono quelli sotto i 35 anni (dal 24,40% al 22%). Durante l’incontro, cui hanno partecipato, fra gli altri, anche il senatore Pd Vincenzo Vita e i rappresentanti di Cgil, Uil e Ugl, Enzo Carra (Udc), relatore della legge sull’equo compenso per i giornalisti precari ha detto che “bisogna intervenire, soprattutto sull’enorme numero di iscritti, favoriti dalla proliferazione si scuole di giornalismo”. La legge sull’equo compenso “per fortuna sta andando avanti con grande velocità . C’é gia un testo definitivo partito per le commissioni che devono dare i loro pareri”. Enzo Iacopino, presidente dell’Ordine Nazionale dei Giornalisti, oltre a ricordare di aver fatto già  chiudere otto scuole, si è chiesto se “é morale che i colleghi prepensionati continuino alla stessa scrivania a fare lo stesso lavoro”. Per Roberto Natale, presidente della Fnsi un altro tema da non abbandonare “é quello della riforma dell’accesso alla professione”. Infine, Andrea Camporese, Presidente dell’Inpgi ha ricordato che “ci sono 50mila giornalisti che non ci versano contributi perché o non lavorano o lavorano fuori dalle regole”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo