Tv: Della Vedova (Fli), “da oggi la politica non s’intrometta più nel mercato”

ROMA (ITALPRESS) – “Con la decisione di Sky Italia di ritirarsi dal beauty contest per l’affidamento delle frequenze del digitale terrestre, probabilmente condizionata dal contesto regolatorio che riservava a Mediaset e Rai le frequenze più appetibili, l’Italia perde un importante investitore internazionale in un settore strategico”. Lo afferma in una nota il capogruppo di Futuro e Libertà  alla Camera, Benedetto Della Vedova. “Al di là  delle ragioni di merito, da lasciare agli azionisti e agli amministratori – aggiunge Della Vedova – si chiude una vicenda viziata fin da principio dall’intromissione della politica. Anche nel settore televisivo, è ora auspicabile che la presenza del nuovo governo e il nuovo spirito di collaborazione tra i partiti consentano l’apertura di una fase diversa, in cui la politica si astenga dal favorire o dall’ostacolare questa o quell’azienda, sia essa Mediaset, Sky o Rai. Abbiamo – sottolinea il capogruppo di Fli a Montecitorio – piuttosto bisogno di una politica che si dedichi a fornire agli operatori economici un quadro normativo chiaro e stabile, non viziato da asimmetrie di natura politica, per la ripresa degli investimenti privati nelle tecnologie dell’informazione, dalla tv alla banda larga”, conclude Della Vedova.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi