Rai/ Idv: No diretta su conferenza Monti è regalo a concorrenza

Pardi: Dg Lei chiarisca, unica eccezione è Rainews

Roma, 5 dic. (TMNews) – Italia dei valori attacca la Rai per la mancata diretta della conferenza stampa del governo dopo l’approvazione della nuova manovra in Consiglio dei ministri. “Ormai la Rai – ha detto il capogruppo dipietrista in commissione di Vigilanza, Pancho Pardi – ha rinunciato platealmente a fare servizio pubblico: in nessuna delle tre reti principali è stata trasmessa la conferenza stampa di presentazione della manovra, un vero e proprio regalo alla concorrenza”. “La sola eccezione di Rainews, che continua a confermarsi punta di diamante dell’informazione pubblica, aggrava ancor di più – ha insistito – le responsabilità  dei vertici aziendali che continuano a penalizzare la rete all news invece di potenzialrla: con il piano di risanamento, infatti, il Cda ha approvato tagli che penalizzano gravemente prodotti e professionisti, ma si è ben guardato dal toccare sprechi e anomalie che infangano la credibilità  della Rai, a cominciare dal Tg1. È indegno che nella tv pubblica le trasmissioni di intrattenimento debbano avere la priorità  sulla vita politica del Paese”. Pardi chiede al direttore generale della Rai, Lorenza Lei, di chiarire “subito questa gravissima mancanza: si oscura il Governo Monti mentre annuncia un provvedimento così importante e atteso, ma quando Berlusconi era premier andava in onda a reti unificate anche solo facendo uno starnuto. Se è questa la linea editoriale della Rai, la Commissione di Vigilanza deve intervenire senza indugi, cominciando con l’audizione del Cdr di Rainews che – conclude Pardi – merita di essere valorizzato perché ogni giorno dimostra di essere la vera e unica espressione del servizio pubblico”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi