Rupert Murdoch si dà  al lobbying per promuovere leggi contro la pirateria

New York, 8 dic. (TMNews) – Rupert Murdoch si dà  all’attività  di lobbying. Il magnate australiano dell’editoria fondatore e presidente di News Corp, è sceso in campo personalmente per promuovere l’adozione da parte del Congresso americano di due nuove leggi contro la pirateria online. Secondo quanto riportato dall’Huffington Post, Murdoch è volato a Washington per incontrare alcuni dei membri del Congresso, tra cui anche il leader della minoranza repubblicana al Senato Mitch McConnell. Le due misure a favore delle quali News Corp, insieme ad altre circa 350 grandi corporation, si batte da settimane sono lo “Stop Online Piracy Act”, presentato alla Camera, e il “Protect IP Act”, che invece si voterà  al Senato. Se approvati, i provvedimenti costringerebbero gli operatori internet a controllare attivamente i contenuti online. Questo obbligherebbe società  come Google e Aol, insieme a quelle che forniscono carte di credito, ad oscurare quei siti che presentano materiale ritenuto in violazione dei diritti d’autore. I promotori affermano che i due atti legislativi aiuterebbero a preservare l’integrità  di internet, limitando gli atti di pirateria; al contrario, per le società  che si oppongono all’approvazione, i provvedimenti equivalgono ad atti di censura, in grado di bloccare l’innovazione e imporre costi più alti ai consumatori. Entrambi i fronti avrebbero speso finora circa 90 milioni di dollari nel tentativo di influenzare i legislatori americani. News Corp ha fatto donazioni a favore di membri di entrambi gli schieramenti. Nelle scorse settimane, il presidente di Google ed ex amministratore delegato Eric Schmidt, si era opposto pubblicamente all’adozione delle due leggi.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti