Manovra: Vita (Pd), procedere ad una vera asta delle frequenze per salvare l’editoria

Roma, 7 dic. (TMNews) – Il Governo deve procedere all’asta per l’assegnazione delle frequenze del digitale terrestre, anche per “salvare l’editoria”. Lo ha detto Vincenzo Vita, esponente Pd in commissione Vigilanza Rai. “Leditoria muore, a causa di una scelta assai discutibile contenuta nel decreto del governo. Speriamo che ci sia la possibilità  di un ripensamento. E’ in gioco la vita di 100 testate, è in questione il lavoro di 4.000 persone. In tutto questo, è davvero auspicabile che sia rifatta la procedura di gara per le frequenze digitali in nome di un più alto interesse pubblico. Attraverso un’asta competitiva, e non un farisaico ‘beauty contest’, possiamo ricavare risorse più che sufficienti anche a salvare il Fondo dell’editoria”. Ha concluso Vita: “E’ un problema che poniamo al governo in cui confidiamo per la salvezza del Paese. Ma può immaginarsi un perenne conflitto d’interessi, in base al quale la televisione generalista fa la parte del leone e i giornali meno tutelati dal mercato sono costretti a scomparire?”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi