Comunicazione

09 dicembre 2011 | 11:00

Mediacoop e FederCultura: salvare le risorse per l’editoria

Riscrivere il comma 3 dell’articolo 9

Roma, 7 dic. (TMNews) – “Il sottosegretario Malinconico ha dichiarato che le intenzioni del Governo non erano quelle di sopprimere il Fondo dell’editoria. Se è così occorre riscrivere il comma 3 che invece provvede a chiuderlo definitivamente. Il Fondo era e deve restare destinato ai contributi diretti all’editoria cooperativa, non profit e di partito. Non nasce e non può diventare un fondo per correggere le distorsioni del mercato dell’editoria e dell’informazione”. È quanto sostengono Mediacoop e FederCultura in una nota congiunta. Anche che le due associazioni ritengono che “possano essere introdotti da subito – in attesa della riforma da realizzare il prossimo anno – criteri più rigorosi nelle risorse da destinare alle cooperative editoriali tra i quali quello di stabilire un ulteriore tetto ai contributi, legato sia al numero dei dipendenti sia a una percentuale tra venduto e distribuito”. “Nel contempo, è compito del Governo – si legge nella nota – quello di reperire le risorse necessarie per garantire i contributi 2011 destinati a fronteggiare le spese già  fatte dalle cooperative. I tagli, infatti, non possono essere retroattivi”. “Tutto ciò è auspicabile e possibile. Sarebbe infatti clamoroso – concludono Mediacoop e FederCultura – che questo Governo non trovasse le risorse che anche il Governo Berlusconi aveva, sia pure in modo del tutto inadeguato, reperito per dare risposta alle preoccupazioni manifestate anche dalle massime Autorità  dello Stato”.