3 Italia, investimenti già  realizzati sulle frequenze

ROMA (MF-DJ)- “3 Italia è parte nella causa delle frequenze televisive del digitale terrestre perché nel 2005 abbiamo acquistato, per circa 230 milioni di euro, Mit Spa e la sua licenza nazionale televisiva in tecnica digitale (DVBT), rilanciata dal Ministero delle Comunicazioni”. Lo afferma in un’intervista al Corriere della Sera Vincenzo Novari, a.d. Di H3G, che prosegue: “Nel 2008, il ministero delle Comunicazioni ha convertito la licenza di 3lettronica in un’autorizzazione generale, valida sia per il DVBT che per il DVBH. Per farla breve, il sistema normativo italiano, sia con Prodi che con Berlusconi al governo, ha riconosciuto in modo inequivocabile che le frequenze acquistate da 3lettronica sono utilizzabili sia per il DVBT e per il DVBH”. “Lo scorso 16 novembre – prosegue Novari – il Ministero dello Sviluppo economico ci ha autorizzato a trasmettere provvisoriamente in DVBT, riconoscendo ancora una volta il nostro titolo, mentre il 23 novembre l’Agcom ha fatto sapere di non aver ultimato il parere chiesto dal ministero, che il giorno dopo confermava l’autorizzazione provvisoria. Da più parti si chiede ora di azzerare la procedura di assegnazione delle nuove frequenze tv digitali, mettendole all’asta. I miliardi investiti in Italia dai nostri azionisti cinesi potevano essere solo l’inizio di quell’afflusso di investimenti esteri così necessari al Pil del nostro Paese”, conclude Novari.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi