Rai: Minzolini, “rituale mediatico-giudiziario a sfondo politico”

ROMA (ITALPRESS) – “Queste cose qui hanno i loro tempi, ma per me è una porcata, un rituale mediatico-giudiziario a sfondo politico”. Così Augusto Minzolini a Tgcom24, commentando l’ipotesi di una sua sostituzione alla direzione del Tg1. “Spero che alla fine non sia complice chi ha denunciato tante volte operazioni di questo tipo. Non parlo di complotto – aggiunge – ma ci sono meccanismi in questo Paese che sono paradossali. Senza ancora un primo grado di giudizio non si può fare nulla. È un meccanismo perverso. Quando ho lasciato la collaborazione con Panorama, mi è stata data una carta di credito che è stata chiamata di benefit compensativo. Io ho sempre mandato le ricevuto, ma a un certo punto mi hanno detto che quel benefit non era compatibile e avrei dovuto mettere nelle ricevute dei pranzi i nomi dei commensali. Dov’è finita la privacy? In ogni caso potevano dirmelo prima e mi sarei comportato di conseguenza. Indagando sulle procedure ho scoperto che esisteva una circolare del 2003 fatta dal direttore generale Cattaneo che prevedeva di inserire i nomi ma nella prassi non veniva seguita. Io, quindi, devo pagare per non aver fatto una cosa che nessuno prima di me ha fatto”, ha concluso Minzolini.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi