RAID CAMPO ROM TORINO:FNSI,NO INFORMAZIONE SENSAZIONALISTICA

(ANSA) – ROMA, 12 DIC – “La cronaca di Torino di questi giorni – la presunta violenza sessuale di una giovane ragazza e il rogo del vicino Campo Rom – riporta drammaticamente l’attenzione sulla necessità  di un’informazione accurata, responsabile e non sensazionalistica”. Lo dichiara il Presidente della Federazione Nazionale della Stampa Italiana, Roberto Natale. “Non possiamo non notare – si legge in una nota – che quando le cronache coinvolgono cittadini stranieri o rom la prudenza, il rispetto della deontologia professionale, il garantismo, vengono troppo spesso meno, facendo riemergere pericolosi stereotipi e antichi pregiudizi. Come ha riconosciuto limpidamente ‘La Stampa’, ammettendo l’errore e chiedendo scusa ‘ai lettori e soprattutto a noi stessi’ con una scelta giornalistica di grande significato: ‘Probabilmente non avremmo mai scritto: due torinesi, due astigiani, due romani, due finlandesi. Ma sui rom siamo scivolati in un titolo razzista’. ‘Evitare informazioni imprecise, sommarie o distorte’, dice tra l’altro la Carta di Roma, il codice deontologico concernente richiedenti asilo, rifugiati e migranti che, dopo i fatti di Erba, Fnsi e Ordine dei giornalisti avevano redatto, anche a seguito dell’allarme lanciato dall’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati”. Il sindacato dei giornalisti – prosegue il comunicato – “fa appello oggi, con ancora maggiore forza, al senso di responsabilità  di tutti i colleghi, chiedendo che la Carta di Roma diventi pratica quotidiana. Invitiamo le redazioni al confronto con l’associazionismo e con il territorio, anche per testimoniare la consapevolezza con la quale il giornalismo italiano cerca di far fronte alle sue responsabilità  civili su un tema tanto rilevante per la convivenza”.(ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari