Editoria

12 dicembre 2011 | 15:12

RAID CAMPO ROM TORINO:FNSI,NO INFORMAZIONE SENSAZIONALISTICA

(ANSA) – ROMA, 12 DIC – “La cronaca di Torino di questi giorni – la presunta violenza sessuale di una giovane ragazza e il rogo del vicino Campo Rom – riporta drammaticamente l’attenzione sulla necessità  di un’informazione accurata, responsabile e non sensazionalistica”. Lo dichiara il Presidente della Federazione Nazionale della Stampa Italiana, Roberto Natale. “Non possiamo non notare – si legge in una nota – che quando le cronache coinvolgono cittadini stranieri o rom la prudenza, il rispetto della deontologia professionale, il garantismo, vengono troppo spesso meno, facendo riemergere pericolosi stereotipi e antichi pregiudizi. Come ha riconosciuto limpidamente ‘La Stampa’, ammettendo l’errore e chiedendo scusa ‘ai lettori e soprattutto a noi stessi’ con una scelta giornalistica di grande significato: ‘Probabilmente non avremmo mai scritto: due torinesi, due astigiani, due romani, due finlandesi. Ma sui rom siamo scivolati in un titolo razzista’. ‘Evitare informazioni imprecise, sommarie o distorte’, dice tra l’altro la Carta di Roma, il codice deontologico concernente richiedenti asilo, rifugiati e migranti che, dopo i fatti di Erba, Fnsi e Ordine dei giornalisti avevano redatto, anche a seguito dell’allarme lanciato dall’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati”. Il sindacato dei giornalisti – prosegue il comunicato – “fa appello oggi, con ancora maggiore forza, al senso di responsabilità  di tutti i colleghi, chiedendo che la Carta di Roma diventi pratica quotidiana. Invitiamo le redazioni al confronto con l’associazionismo e con il territorio, anche per testimoniare la consapevolezza con la quale il giornalismo italiano cerca di far fronte alle sue responsabilità  civili su un tema tanto rilevante per la convivenza”.(ANSA).