Aiart: basta contributi statali a Radio Radicale

Roma, 12 dic. (TMNews) – “I Radicali sono tanto zelanti nellattaccare la Chiesa, ma poi si dimostrano statalisti fino all’osso quando devono percepire i contributi per l’editoria. Radio Radicale prende un contributo che nel 2009 è ammontato a oltre 4 milioni e 131 mila euro. Sono soldi che arrivano anche dalle tasse pagate dai cittadini che frequentano parrocchie e oratori”. Lo afferma il presidente dell’associazione di telespettatori cattolici Aiart, Luca Borgomeo. “I cittadini pagano già  con il canone un servizio reso dalla Rai. Perché un ulteriore contributo per Radio Radicale? Noi diciamo no a quell’elargizione, e se deve essere fatto non lo sia anche nel nostro nome”, continua Borgomeo in una nota. “I Radicali sono liberali e liberisti a corrente alternata”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi