Lav: carne non indispensabile per bambini, Mellin sospende lo spot tv

Sullo svezzamento, dopo ricorso associazione animalista

Roma, 13 dic. (TMNews) – Mellin ha sospeso la campagna pubblicitaria bocciata dalla Lav: si è concluso così il procedimento aperto dall’associazione presso l’Autorità  garante della concorrenza e del mercato sullo spot tv per lo svezzamento, che propugnava la carne come alimento indispensabile in età  pediatrica. L’Autorità  ha scritto alla Lav che “la società  Mellin ha provveduto a sospendere la campagna pubblicitaria, impegnandosi a tener conto dei rilievi formulati per le prossime iniziative”. La multinazionale dell’omogeneizzato, commenta la Lav, ammette di fatto quindi l’inesattezza delle informazioni veicolate nello spot andato in onda nei mesi scorsi: la carne non è affatto un elemento necessario per la nutrizione dei bambini. Nel suo ricorso al Garante, la Lav ha illustrato come il buon senso comune, oltre a ricerche scientifiche indipendenti e autorevoli, affermino che la carne non è indispensabile, come ad esempio quella condotta dall’American Dietetic Association nel 2009: non solo l’alimentazione vegetariana è salutare ed equilibrata, ma apporta benefici nella prevenzione di alcune patologie ed è indicata anche nella fase della crescita. L’attuale pronunciamento l’Autorità  garante della concorrenza e del mercato segue quelli di anni fa del Giurì di Autodisciplina Pubblicitaria che, per analoga definizione su “la carne è indispensabile”, portarono a censure di industrie di allevamento e macellazione di animali.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Scende il valore del sistema media rispetto al 2013. Big lontani dal limite

Cairo Communication: nei nove mesi ricavi in calo a 185,7 milioni di euro. Previsto Mol in sostanziale pareggio per La7 a fine anno

Banzai: nei 9 mesi del 2015 i ricavi salgano a 152 milioni; la perdita cresce a 6,5 milioni di euro