REGIONE MOLISE QUERELA RAI: FNSI, ENTE RITIRI ATTO

(AGI) – Campobasso, 13 dic. – “Sarebbe opportuno, giusto e conveniente che la Regione Molise ritirasse la querela contro la Rai di Campobasso, trascinata in tribunale per aver inserito nella rassegna stampa un quotidiano non gradito alla politica”. La richiesta arriva dalla Federazione nazionale della Stampa e dall’Associzione della stampa del Molise.
“Quella che si sta consumando al tribunale di Cassino – aggiungono – e’ una vicenda paradossale, che appartiene a tempi e modi di concepire la cosa pubblica che ci auguriamo passati. Un potere che cosi’ si fa casta, si arroga, dunque, il diritto non solo di citare in giudizio le testate che raccontano fatti poco chiari e di interesse pubblico, ma pretende anche l’oscuramento delle stesse attraverso la censura preventiva. La presunta lesa onorabilita’ dell’ente pubblico – sostiene il sindacato dei giornalisti -, un concetto tutto nuovo nel nostro ordinamento, viene pagata dai cittadini che si troveranno a sopportarne i costi, sicuramente di alcune decine di migliaia di euro, per un procedimento che, ripetiamo, e’ incomprensibile e di cui nessuno sente la necessita’. La nuova giunta regionale del Molise, in linea con il nuovo corso aperto in Italia, ritorni sui passi dei predecessori ed impieghi le cospicue risorse delle spese legali per migliorare i servizi ai cittadini”. Il segretario della Federazione nazionale della stampa, Franco Siddi e il Presidente dell’Assostampa del Molise, Giuseppe di Pietro saranno, domani, a Cassino, in occasione della nuova udienza, per ribadire la “valenza nazionale della vicenda e la vicinanza ai colleghi Filippo Massari ed Enrica Cefaratti, citati in giudizi per aver svolto il loro lavoro con deontologia e senso del dovere”. (AGI)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari