Editoria

15 dicembre 2011 | 10:42

EDITORIA: CDR UNITA’, TREDICESIMA INCERTA, DOMANI SCIOPERO

(ANSA) – ROMA, 14 DIC – “Il Comitato di redazione de l’Unità  ritiene gravissima e inaccettabile la comunicazione avuta dall’azienda riguardo le incertezze sul pagamento della tredicesima mensilità  e dello stipendio di dicembre”, e per questo la rappresentanza sindacale proclama per domani il primo dei tre giorni di sciopero affidati dalla redazione e “si riserva ulteriori iniziative già  per la prossima settimana se non dovessero arrivare rassicurazioni o novità  significative”. “Pur consapevoli di una situazione finanziaria di estrema difficoltà  – continua il cde dell’Unità  – non è pensabile che si vadano ulteriormente a colpire i diritti dei lavoratori che già  hanno dovuto sopportare due anni di stato di crisi, l’uscita di numerosi colleghi e la cassa integrazione. Sacrifici che hanno permesso a questa azienda di affrontare una difficile ristrutturazione in una situazione di perdurante latitanza dell’editore. In vista dell’assemblea dei soci convocata per il 21 dicembre e che avrà  all’ordine del giorno l’aumento di capitale, il Cdr richiama quindi per l’ennesima volta Renato Soru alle sue responsabilità ”. Il Cdr inoltre rivolge un appello al “governo Monti affinché risolva in tempi rapidi la situazione di incertezza che circonda il tema del finanziamento pubblico all’editoria. Solo in questo modo, infatti, può farsi davvero garante del pluralismo dell’informazione, come richiesto più volte anche dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Non possiamo più attendere, e il ritardo nelle decisioni, assieme all’assenza di indicazioni certe, mettono ogni giorno a rischio l’esistenza stessa di molte testate. L’Unità  in primis”. (ANSA).