EDITORIA: MALINCONICO, BASTA SOLDI A PIOGGIA (IL FATTO)

(ASCA) – Roma, 16 dic – ”E’ finito il tempo dei soldi a pioggia per tutti”. Lo ribadisce il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega all’editoria, Carlo Malinconico che in un’intervista a Il Fatto Quotidiano spiega che ”il 2012 sara’ un anno di transizione”, tenendo comunque presente che ”il pluralismo significa tenere viva una voce. A noi il compito di trovare la forma giusta”. Malinconico rende noto che ”cercheremo di incentivare il passaggio in Rete. Ci sara’ un limite minimo di copie vendute e distribuite – spiega – e chi non lo raggiunge deve trasferirsi su Internet per abbattere i costi senza sacrificare giornalisti e lettori”. Naturalmente, precisa Malinconico, ”il nostro sara’ un incentivo, non possiamo obbligare. Pero’ di fronte al nulla, meglio sfruttare le potenzialita’ ancora inespresse di Internet. E’ finito il tempo dei soldi a pioggia per tutti”. Per le agenzie di stampa il discorso e’ diverso, dice Malinconico. ”Non ci sono contributi diretti ma convenzioni con lo Stato – spiega – e se le amministrazioni ritengono di non acquistare un servizio con un’agenzia, il rapporto finisce immediatamente”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari