TLC: ASSOTELECOMUNICAZIONI-ASSTEL, ELETTI I NUOVI VERTICI

(AGI) – Roma, 19 dic. – L’assemblea di Assotelecomunicazioni-Asstel ha eletto la squadra che dovra’ guidare le telecomunicazioni italiane nei prossimi due anni. A capo Cesare Avenia, ad di Ericsson, che governera’ l’associazione affiancato da un comitato di presidenza a cui partecipano: Paolo Bertoluzzo, ad Vodafone; Ossama Bessada, ad Wind; Alberto Calcagno ad Fastweb, Vincenzo Novari ad H3g, Marco Patuano ad Telecom Italia, Corrado Sciolla ad Bt Italia, Renato Soru ad Tiscali, Marco Tripi ad Almaviva. “La prossima stagione vedra’ la filiera delle tlc protagonista di un appuntamento cruciale per il Paese, quello con la crescita dell’economia – ha affermato il nuovo presidente Cesare Avenia – Oggi, infatti, nessun settore e’ in grado di moltiplicare le occasioni di sviluppo, offrire rapidi ed elevati ritorni in termini di crescita economica e modernizzazione della societa’ come avviene con le infrastrutture, le tecnologie e i servizi di telecomunicazione. Il ciclo di investimenti, gia’ iniziato con l’asta delle frequenze Lte, che le imprese di Tlc sono chiamate a consolidare per avanzare sui progetti di copertura del digital divide e di banda ultra larga con nuove reti fisse e mobili, puo’ e deve rappresentare il motore per riavviare la crescita e lo sviluppo in Italia. L’impegno di Asstel-Assotelecomunicazioni sara’ anche quello di sensibilizzare il Governo, gli enti locali e tutti gli stakeholders sull’opportunita’ strategica che l’evoluzione delle Tlc rappresenta oggi per il nostro Paese”. Cesare Avenia succede a Stefano Parisi, che continuera’ a partecipare al Consiglio direttivo di Asstel come past president. (AGI)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi