WikiLeaks: Nel computer di Bradley Manning 10 mila dispacci inediti

(ASCA-AFP) – Forte Meade (Maryland), 19 dic – Nel computer di Bradley Manning, il soldato accusato di aver fornito a WikiLeaks i documenti delle ambasciate statunitensi, sono stati ritrovati circa 10 mila dispacci che non erano ancora stati passati al sito di Julian Assange. Lo ha detto l’agente David Shaver, dell’Unita’ investigativa americana dell’esercito sui crimini informatici, durante un’audizione per decidere se Manning dovra’ finire o meno davanti alla Corte Marziale. Il militare, 24 anni, e’ accusato di aver ceduto a WikiLeaks circa 260 mila dispacci del Dipartimento di Stato che hanno causato grave imbarazzo nei rapporti fra Washington e gli altri governi.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari