Gb: grandi aziende finanziano siti web che offrono film ‘piratati’

La colpa è delle agenzie di pubblicità 

Roma, 20 dic. (TMNews) – Alcune importanti società  britanniche tra cui British Telecom, British Gas, Tesco e EasyJet stanno indirettamente finanziando con le loro inserzioni pubblicitarie i siti web britannici che permettono di scaricare illegalmente film e programmi tv. Lo riporta il sito web del Times. Nonostate siano state messe in guardia dalle autorità , queste società  e aziende stanno continuando a pubblicare le loro inserzioni anche sui siti illegali a causa delle agenzie pubblicitarie, che cercano di avere il maggior numero di siti web nei loro ‘network’, per massimizzare i guadagni. Il problema è stato sollevato dalla ‘Federation Against Copyright Theft’ (Fact), secondo cui i siti che offrono copie ‘pirata’ di film e programmi tv costano all’industria britannica del settore 200 milioni di sterline l’anno di perdite.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti