Editoria: Fini, “difendere pluralismo, ma con rigore e imparzialità “

Servono criteri neutri per l’erogazione dei fondi

Roma, 20 dic. (TMNews) – Il pluralismo va difeso, ma anche sulla questione dei fondi all’editoria sono necessari “imparzialità  e rigore”. Lo ha detto il presidente della Camera, Gianfranco Fini, durante lo scambio di auguri con la stampa parlamentare. Sulla questione, ha detto, “la penso come il capo dello Stato quando auspica che vi sia la massima attenzione. Il pluralismo va difeso perché è un valore ma serve massimo rigore sul criterio attraverso cui erogare fondi e imparzialità  mentre si definiscono quei criteri”. Secondo Fini “o i criteri sono neutri” altrimenti “non si garantisce pluralismo”. Insomma, il presidente della Camera auspica che “su un tema così delicato il Parlamento, e spero il governo, avranno presente il doppio binario del pluralismo ma anche dell’imparzialità  e del rigore”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari