Tv: Agcom ferma richiesta di H3g (MF)

MILANO (MF-DJ)–L’Agcom guidata da Corrado Calabro’ ha respinto all’unanimita’ la richiesta di H3g di commutare le sue frequenze in tecnologia Dvb-H, e quindi valide per l’ormai obsoleto tivufonino, in frequenze Dvb-T e dunque utilizzabili dai grandi network per trasmissioni televisive.

La decisione dell’authority, spiega MF, e’ stata presa in punta di diritto e forse l’azienda di Vincenzo Novari se l’aspettava, dal momento che manca un saldo riferimento giuridico per autorizzare una campagna di commutazione dei MegaHertz sul digitale terrestre. Allo stato attuale della legge in materia, la destinazione dei multiplex non puo’ esser cambiata proprio perche’ e’ in corso un procedimento di assegnazione di frequenze aggiuntive. Alcuni sostengono che questo ostacolo potra’ essere rimosso solo con una nuova norma, che potrebbe puntare a due obiettivi: rivedere le procedure per il beauty contest e consentire allo stesso tempo a chi ha frequenze con tecnologia Dvb-H di commutarle in televisive. In quest’ultimo caso si risolverebbe anche il problema politico su cui parte della maggioranza che sostiene il governo Monti e tutta l’opposizione stanno concentrando le obiezioni, ovvero lo stop all’assegnazione gratuita dei sei multiplex come stabilito da un ordine del giorno approvato dal governo alla Camera e fatto proprio dal ministro dello Sviluppo, Corrado Passera.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi