TLC

22 dicembre 2011 | 13:23

Tlc/ Nasce Agenzia bilaterale per la formazione di settore

E Fondo assistenza sanitaria in aziende che applicano Ccnl

Roma, 22 dic. (TMNews) – I sindacati di categoria Slc-Cgil, Fistel-Cisl, Uilcom-Uil e la rappresentanza delle imprese Assotelecomunicazioni-Asstel hanno oggi formalmente costituito due enti bilaterali in attuazione degli accordi siglati in occasione del rinnovo contrattuale del 2009. Il Fondo per l’assistenza sanitaria, denominato Fondo tlc, nasce con l`obiettivo di assicurare la copertura di prestazione sanitarie integrative o migliorative di quelle fornite dal Servizio Sanitario Nazionale, in caso di malattia o infortunio. Il Fondo, al quale potranno iscriversi tutti quei lavoratori alle dipendenze di aziende che applicano il Ccnl delle tlc che non beneficino di altre forme di copertura sanitaria integrativa, è stato pensato soprattutto per garantire le fasce più deboli, fra cui i molti giovani lavoratori del comparto call center. Una stima prudenziale indica che a regime il Fondo potrà  riguardare circa 35.000 lavoratori. Scopo dell`Agenzia bilaterale per la formazione di settore è promuovere lo sviluppo delle professionalità  nelle telecomunicazioni, facilitando l`accesso dei lavoratori a progetti formativi finanziati attraverso Fondimpresa e altri enti e istituzione comunitarie, nazionali e locali. L`Agenzia avrà  il compito procedere all` analisi dei fabbisogni formativi all`interno del settore, monitorare l` evoluzione legislativa in materia ed elaborare annualmente un catalogo di corsi a cui le aziende potranno aderire. “La base di relazioni industriali costruttive stabilita dalle parti nell`ambito del Ccnl delle tlc – ha dichiarato Cesare Avenia – si dimostra la piattaforma più efficace per affrontare un così difficile momento come quello che sta vivendo oggi il Paese. L`accordo, infatti, consente di compiere dei passaggi importanti non solo per contrastare la crisi consolidando il sistema del welfare, ma anche di guardare avanti introducendo fattori di sviluppo come la formazione professionale”