‘Liberazione’ protesta per la chiusura

Centro storico blindato per conferenza stampa premier

Roma, 29 dic. (TMNews) – C’erano anche i giornalisti di Liberazione a aspettare la conferenza stampa di fine anno del premier Mario Monti: ma fuori dalla sala, in protesta per l’annunciata chiusura della testata. Tra la folla di giornalisti, fotografi e cameraman – da ore in attesa di entrare nella sala della conferenza – c’era anche una delegazione di “Occupy Liberazione”, e il volantino che distribuivano recita “Il nostro editore, che è rifondazione comunista, ci ha messo di fronte a una decisione unilaterale. Liberazione non sarà  più in edicola dal primo gennaio. Chiediamo yun tavolo di trattativa sindacale”. “Da ieri notte” aggiunge “Occupy Liberazione”, “dormiamo nei nostri sacchi a pelo in redazione.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari