Avvenire: vietare pubblicità  per gioco d’azzardo come per tabacco

(ASCA) – Roma, 4 gen – Perche’ non viene estesa ”ai giochi d’azzardo (poker tv, scommesse online…) la proibizione della pubblicita’ che vige per il tabacco?”. Se lo chiede Avvenire, il quotidiano della Cei, in un editoriale firmato dall’economista Luigino Bruni. Il calcioscommesse, il business delle slot machine, certa speculazione finanziaria, oroscopi e maghi, i giochi d’azzardo online e i gratta-e-vinci sono fenomeni ”solo apparentemente distanti” che hanno in comune il rischio di indurre ”dipendenza”. Anzi, secondo Avvenire, ”gli effetti di queste nuove dipendenze sono oggi forse piu’ gravi”. Ma per arginare questo fenomeno il giornale dei vescovi chiede anche di pensare ”a forme di ‘obiezione di coscienza’ da parte di quei campioni che potrebbero rifiutarsi di fare da testimonial in tali pubblicita’?”. Infine, ”gruppi di cittadini” potrebbero ”premiare con un marchio di qualita’ etica quei locali e bar che rinunciano a sicure entrate eliminando le slot machine, un marchio che poi potrebbe attrarre verso quegli stessi locali piu’ consumatori civilmente responsabili”. Per Avvenire, ”la sfida e’ grande. L’Occidente ha iniziato la sua straordinaria storia quando ha affermato che la ‘virtu’ batte la fortuna’, che la vita buona (l’eudaimonia) non dipende dal fato, ma dalle nostre scelte improntate alla virtu’, che sono la sola vera risposta di fronte alla incertezza della vita. L’invasione della cultura della fortuna dice allora, e con grande forza, la profonda crisi della cultura occidentale, e un forte ritorno di irrazionalita’ e di fede nel ‘fato’. Le pubbliche virtu’, ieri come oggi, nascono solo dalle virtu’ private, ancor piu’ nei tempi di crisi”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari