FESTIVAL ROMA: 100 AUTORI, POLITICA TORNA AD INVADERE CINEMA

(ANSA) – ROMA, 5 GEN – “Il braccio di ferro sul futuro del Festival di Roma che si sta consumando tra i rappresentanti delle istituzioni conferma una volta di più, e purtroppo, come nulla sia cambiato nell’atteggiamento invasivo e arrogante della politica nei confronti del cinema”. E’ quanto dichiara l’Associazione 100autori che – si legge in una nota – “non partecipa a questa polemica sui nomi, perché da sempre sostiene il principio che chiunque venga chiamato a gestire snodi cruciali di questo settore – come lo è un festival – non rappresenti gli interessi della politica ma sia scelto solo nel rispetto assoluto dei criteri di professionalità , competenza e trasparenza”. “A questi criteri certamente corrispondono le figure professionali di Piera Detassis e di Marco Mueller – prosegue il comunicato -. Questo scontro non fa bene al Festival di Roma né alla Mostra del Cinema di Venezia. L’associazione 100autori chiede che il Sindaco Alemanno e la Presidente della Regione Lazio Polverini rispettino le procedure stabilite dallo statuto della Fondazione Cinema per Roma per la nomina del direttore, restituendo al Presidente e al CdA il proprio ruolo istituzionale e dimostrando per una volta che l’obiettivo è il bene del cinema italiano e non la voglia di lottizzare e prevaricare ogni regola”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo