Media/ Ipi: 103 giornalisti uccisi nel 2011

Il paese più a rischio è stato il Messico

Vienna, 5 gen. (TMNews) – L’istituto Internazionale della stampa (Ipi), con sede ha Vienna, ha calcolato che l’anno appena trascorso ha visto 103 giornalisti uccisi mentre svolgevano il loro lavoro. La maggior parte – 36 – è stata assassinata in America Latina. Il paese più a richio per i giornalisti è il Messico, con 10 vittime, davanti all’Iraq con 9. Regionalmente, dopo l’America Latina, la zona del mondo più pericolosa è il mondo arabo, con 21 giornalisti uccisi. Mentre in nord africa sono stati ammazzati 8 giornalisti mentre coprivano gli eventi della cosiddetta “primavera araba”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari