Comunicazione

05 gennaio 2012 | 14:42

Germania/ Bild non soddisfatta intervista Wulff: ha mentito

Tabloid: presidente voleva impedire, non ritardare pubblicazione

Berlino, 5 gen. (TMNews) – Il giorno dopo l’intervista tv che doveva ridare credibilità  al presidente tedesco Christian Wulff, la Bild attacca nuovamente il capo di Stato, reo, secondo il tabloid più potente d’Europa, di non avere detto la verità . Ieri sera il “Bundespraesident” ha dichiarato ai giornalisti di Ard e Zdf di avere fatto pressione sul direttore del giornale di Springer per “ritardare” la pubblicazione dell’articolo che parlava del famigerato prestito ricevuto da una coppia di imprenditori nel 2008, quando era governatore della Bassa Sassonia.
“Falso”, secondo Bild. “Il presidente ha detto che non voleva impedire la diffusione della notizia, noi abbiamo chiaramente percepito le cose in maniera diversa”, ha dichiarato il caporedattore della popolare testata, Nikolaus Blome, alla radio tedesca. Secondo Bild, infatti, il 52enne Wulff, nel messaggio al vetriolo lasciato incautamente nella segreteria del direttore Kai Diekmann, minacciava “guerra” se il tabloid avesse continuato le sue pubblicazioni scottanti. Sulla stessa onda le prime pagine di altri autorevoli quotidiani tedeschi. Per la Sueddeutsche Zeitung, “la questione è capire chi possa ridare peso alla carica di presidente. Wulff sostiene di poterlo fare, ma è il solo ad avere questa sensazione”. E sotto una vignetta che mostra il presidente seduto su una poltrona troppo grande per lui, l’editorialista della Frankfurter Rundschau, scrive: Wulff “dovrebbe fare di più che incollarsi alla sedia”.