Usa/ Electric City: serie animata di Tom Hanks debutta su Yahoo

Uscirà  questa primavera e sarà  ambientata nel futuro

New York, 9 gen. (TMNews) – L’era delle prime visioni al cinema e in televisione inizia a lasciare il posto ai debutti su internet. “Electric City”, la nuova serie animata ideata, scritta e prodotta da Tom Hanks, sarà  lanciata la prossima primavera direttamente su Yahoo. Per il gigante del web che da tempo sta lavorando per rafforzare la sua offerta di intrattenimento, tra reality show, programmi di notizie e attualità , si tratta della prima serie originale e inedita. Il progetto, che Hanks ha realizzato e prodotto in collaborazione con Playtone e la società  di comunicazione Indiana Reliance Entertainment, verrà  presentato martedì a Las Vegas, in occasione del Consumer Electronics Show, una manifestazione dedicata all’elettronica di consumo. L’attore americano ha lavorato alla sua idea per anni, valutando anche l’ipotesi di utilizzare delle marionette per l’animazione. “Electric City” è composta da 20 episodi, ognuno dei quali dura 3-4 minuti. Sarà  ambientata in un futuro post apocalittico, in una cittadina dall’atmosfera tranquilla, e affronterà  tematiche sociali attuali, tra cui la questione delle risorse energetiche e la libertà  di informazione. Secondo quanto pubblicato dal New York Times, l’immagine di Hanks del futuro è ottimistica: la società  “non è degenerata in stile orwelliano, ma l’esatto opposto”. La serie, distribuita online e fruibile anche con tablet, come Ipad e Kindle, sarà  disponibile in diverse lingue. Oltre che impegnarsi come produttore, Hanks presterà  anche la sua voce per la versione in inglese.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi