TV: BEHA, MI SCUSO PER ‘BATTUTACCIA’ VILLAGGIO SUI SARDI

MONTA PROTESTA SUL WEB PER BOICOTTARE SPETTACOLO A CAGLIARI

(ANSA) – CAGLIARI, 10 GEN – “Mi scuso doverosamente con chi si è sentito offeso dalla battutaccia di Paolo Villaggio sui sardi, nella puntata di ieri di ‘Brontolo’ dedicata alla questione femminile al tempo del governo Monti e della sua manovra economica”. Così, dal suo blog, Oliviero Beha, conduttore della trasmissione di Raitre, in merito alla frase pronunciata dal comico genovese (“In Sardegna si fanno pochi figli perché, mi dicono, i pastori preferiscono avere relazioni con le pecore”) che ha scatenato polemiche in tutta l’Isola. “Prendo atto delle immediate e crescenti reazioni dell’opinione pubblica dell’isola e dei suoi vertici istituzionali – scrive Beha nel suo sito – Se non ho risposto seriamente a Villaggio e a quello che disgraziatamente diceva sugli accoppiamenti dei pastori con le pecore, mentre la trasmissione trattava questioni serissime della Sardegna e del resto d’Italia, il motivo è uno solo: ho giudicato in diretta (e la mia espressione e il modo in cui sono andato oltre subito testimoniano della mia buona fede giacché la televisione è fatta anche di questo) che l’uscita di Villaggio fosse stata tanto infelice da meritare la sordina e niente di più. Non intendevo dilatare tempo e attenzione per una insensatezza offensiva mentre si parlava della natalità  sarda, la più bassa d’Italia, con il massimo del rigore. Se la si considera una scelta sbagliata, magari senza aver visto il programma e solo di riporto – conclude Beha – me ne dolgo ancora di più essendo tutto ciò l’opposto delle mie intenzioni”. Intanto sul web monta la polemica contro Villaggio, che proprio tra un mese sarà  a Cagliari con il suo spettacolo (il 20 febbraio al Conservatorio): in tanti hanno intenzione di boicottarlo e stanno organizzando iniziative contro la serata. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi