CINEMA: TOZZI (ANICA), AUMENTARE OFFERTA CINEMA ITALIANO

(AGI) – Roma, 12 gen. – Il primo dato evidente e positivo, “quello che registriamo ogni anno, e’ la dinamica del cinema italiano che raggiunge una quota di mercato stellare del 37 per cento. Il cinema italiano, quindi, e’ una componente dinamica del mercato:se c’e’ un’offerta forte di cinema italiano,cresce il volume di incassi. Poi, se l’offerta sparisce , come accade nel lungo periodo estivo che da noi va da aprile ad ottobre, allora gli incassi scendono visibilmente”. Riccardo Tozzi, presidente Anica-associazione nazionale industrie cinematografiche audiovisivi e multimediali, commenta cosi’ i dati Cinetel 2011, elargiti questa mattina nel tradizionale incontro di inizio anno, alla Casa del Cinema di Roma. “Questo -riprende Tozzi- mi fa pensare che esista una domanda forte di cinema,nel nostro Paese ma andrebbe offerto piu’ cinema italiano, piu’ costantemente e in tutte le sale dei centri urbani”. Davvero un gran risultato per le produzioni italiane: nel resto d’Europa, ricorda Tozzi, “la quota di mercato nazionale di film spagnoli, tedeschi e inglesi, si attesta intorno al 10 per cento” (contro quasi un 40 per cento del mercato registrato nel 2011 dalla produzione nazionale. (AGI)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo